La nuova frontiera della comunicazione di marketing: WhatsApp e il passaparola.

Pochi giorni fa ho ricevuto un messaggio su Whatsapp da parte di un amico. Apparentemente un messaggio come tutti gli altri: molto spiritoso, non tanto lungo ma più lo leggevo più mi rendevo conto che era una “catena”, uno di quei messaggi divertenti che vengono rimbalzati da un contatto all’altro:

“Siamo veramente caduti in basso. Oggi al supermercato una ragazza di 19 anni, che faceva la promoter al reparto detersivi, mi ha chiesto di fare sesso con lei se avessi pubblicizzato, a tutti i miei contatti Whatsapp, una nuova marca di detersivo. Ovviamente non ho accettato perchè ho una reputazione da salvaguardare ed ho un carattere forte. Forte come il nuovo V****L, detersivo liquido super sgrassante che da oggi potrete trovare anche con aroma di vaniglia e limone! a soli 5.99 euro!” 

Come si può leggere è una bella barzelletta, ha però la particolarità di parlare di una nota marca di detersivi. Che la “promozione” sia vera oppure no questo messaggio è stato letto da molti miei contatti Whatsapp e il brand in questione è entrato per un millesimo di secondo in un’esperienza divertente vissuta e condivisa dai consumatori.

Questa piccola catena potrebbe essere un’ulteriore tassello nella comunicazione di marketing all’interno dei media?

Whatsapp è sempre stato un media particolare:una chat che permette di comunicare con tutti i tuoi amici seguendo la logica degli sms ma collegato alla rete. Una particolarità di Whatsapp è quella di non contenere nessun tipo di banner pubblicitario.

Tuttavia nulla impedisce di sfruttare il potere del passaparola in maniera facile e gratuita come in questo caso: basta un po’ di creatività, di umorismo e il “Copia-Incolla-Invia messaggio” può contribuire a crescere la brand awarness del vostro prodotto e della vostra azienda.

A volte le tecniche semplici non per questo sono poco efficaci.

Leggi anche : Se sai chiedere bene ricevi meglio:5 consigli per stilare un questionario efficace.

Potrebbero interessarti anche...

Che ne pensi di questo articolo? Dacci la tua su, commenta!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: