Quando il Made in China era un lusso

Durante le mie ricerche sugli atteggiamenti degli italiani verso ciò che proviene dall’estero e sugli stereotipi dei Paesi stranieri, pongo spesso ai miei intervistati questa domanda: “Quali sono le prime tre cose che ti vengono in mente se ti dico….?”

Alcuni giorni fa, ho concentrato i miei studi sul mercato cinese e porgendo questa domanda a 40 intervistati, 1 persona su 2 ha associato alla parola Cina: le bacchette per il cibo, prodotti di bassa qualità e marche taroccate (tralasciando quelli che hanno esclamato “Poveri cani!“).

Prima di continuare con la lettura dell’articolo ti invito a sostenere tutto il team del Lo Stagista Parlante mettendo un semplice like alla nostra pagina Fb! Resterai sempre  aggiornato sui nostri nuovi articoli.

 

Tuttavia, nonostante il Made in China non goda di una grande fama, è un dato di fatto che i negozi gestiti da cinesi siano in aumento nel nostro Paese.

Sempre più italiani,infatti, si recano almeno una volta al mese in un negozio cinese per acquistare oggettistica varia e prodotti casalinghi che non brillano certo per la qualità ma sono estremamente vantaggiosi.

E’ interessante notare come la concezione che gli italiani, e in generale gli europei, hanno della Cina sia cambiata nel corso dei secoli.

Se oggi dire Cina è sinonimo di scarsa qualità nel XIX sec. parlare di Cina era sinonimo di arte, di gusto e di…lusso.

Non so se vi è mai capitato di visitare le Regge delle più importanti capitali europee come quelle di Torino o di Madrid.

In ognuna di queste residenze reali almeno una stanza è decorata con stucchi, tappezzeria, porcellane raffiguranti scene di vita quotidiana cinese.

Venivano chiamate Cineserie, dal francese Chinoiserie e comprendevano tutte le collezioni di oggetti provenienti dai paesi orientali. Possedere delle porcellane cinesi era un lusso e nobili e borghesi facevano a gara per chi avesse più stanze decorate alla maniera cinese.

In particolare le porcellane cinesi, tipicamente bianche con decorazioni blu cobalto dipinte a mano influenzarono molto l’artigianato islamico.

Anche i Medici, noti per essere cultori dell’arte, patrocinarono lo sviluppo di porcellane decorate secondo questo stile al fine di stupire ed affascinare chi visitava le proprie residenze.

Chissà come reagirebbero oggi a sapere come siano cambiate le cose?

Questo slideshow richiede JavaScript.

Tutti i diritti sono riservati a Lo Stagista Parlante ai sensi della legge 248/2000 della Rep. Italiana

Potrebbero interessarti anche...

Che ne pensi di questo articolo? Dacci la tua su, commenta!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: